Apprendistato e Tirocini Formativi

APPRENDISTATO

L’apprendistato è un contratto a causa mista in cui il tradizionale scambio tra prestazione lavorativa e retribuzione viene arricchito con l’erogazione di formazione in favore del lavoratore.

In cambio il datore di lavoro, se assolve all’obbligo formativo, usufruisce di sgravi contributivi. Questo aspetto rende il contratto d’assunzione particolarmente favorevole per le aziende.

Tutte le aziende di tutti i settori possono attivare contratti di apprendistato.

Dal 26 aprile 2012 è entrato pienamente in vigore il nuovo Testo Unico dell’Apprendistato (D. L.gs. 167/2011) che individua tre tipologie di contratto di apprendistato:

  1. Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale

    Rivolto a giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, ha lo scopo di offrire, a coloro che sono usciti dai percorsi scolastici, la possibilità di conseguire la qualifica o il diploma professionale a seguito dell’assunzione con il contratto di apprendistato.

    Non può superare i tre anni (nel caso, però, di diploma quadriennale regionale la durata può essere prolungata di un anno).

  2. Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

    Rivolto ai giovani dai 18 ai 29 anni compresi (o fin dai 17 anni se in possesso di una qualifica professionale), ha come scopo il conseguimento di una qualifica professionale nell’ambiente di lavoro.

    La durata non può superare i tre anni ( elevabili comunque a cinque per particolari profili professionali dell’artigianato previsti anche nei contratti del terziario, Turismo-Pubblici esercizi del settore panificazione).

    Le modalità di erogazione della formazione saranno definite dall’approvazione dei contratti collettivi.

    L’azienda stessa è responsabile della formazione (integrata dall’offerta formativa pubblica finanziata dalle Regioni che può essere interna o esterna all’azienda).

    L’assunzione può avvenire anche se il soggetto ha già svolto un precedente periodo di apprendistato per il conseguimento della qualifica professionale, fermo restando il limite di 3 anni.

    L’apprendista che ha già svolto un periodo di apprendistato professionalizzante può svolgere, anche presso un altro datore di lavoro, lo stesso tipo di apprendistato per acquisire una maggiore o differente qualificazione.

  3. Apprendistato per l’alta formazione e la ricerca

    Rivolto ai giovani, di età compresa tra i 18 e i 29 anni e che aspirano ad un più alto livello di formazione, ha l’obiettivo di permettere il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore o di titoli di studio universitari e di alta formazione (compresi i dottorati di ricerca), per la specializzazione tecnica, per il praticantato, per l’accesso alle professioni ordinistiche.

    Il soggetto può intraprendere questo percorso anche se ha già svolto un precedente periodo di apprendistato di tipologia 2 (fermo restando il limite della durata complessiva di 3 anni).

    La regolamentazione a riguardo è rimessa alle Regioni. In assenza di regolamenti regionali, l’attivazione viene affidata a particolari convenzioni stipulate dai singoli datori di lavoro con le Università, gli istituti tecnici e professionali e, infine, le istituzioni formative o di ricerca.
Attualmente Iscom si occupa solo di Formazione in Apprendistato Professionalizzante.

TIROCINI FORMATIVI

Il tirocinio è un'esperienza formativa che si realizza direttamente all'interno di un luogo di lavoro e può essere svolta sia in imprese private che in aziende pubbliche. Permette al tirocinante di acquisire nuove competenze e agevola le sue scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro.

Il tirocinio non è un rapporto di lavoro e pertanto non è prevista alcuna retribuzione nè contribuzione (l'azienda ospitante, a sua discrezione, può riconoscere eventuali rimborsi spese).

I vantaggi per il tirocinante

Permette ai giovani e a chi non ha mai avuto esperienze di lavoro di entrare in azienda per valutare sul campo la propria scelta professionale ed accrescere la propria preparazione.

Consente a chi vuole reinserirsi nel mercato del lavoro di aggiornare le proprie competenze e di arricchire il proprio curriculum con un'esperienza certificata da una dichiarazione di competenze, che può avere valore di credito formativo.
Il servizio ha la finalità di:
  • Agevolare l'incontro tra la domanda e l'offerta di lavoro;
  • Facilitare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro;
  • Sostenere l'inserimento o reinserimento nel mercato di persone disoccupate o inoccupate.

Condividi questa pagina